Arrestati gli assalitori del direttore della rivista hip-hop USA

Sono stati arrestati i due principali assalitori di Jesse Washington, il direttore della rivista hip-hop “Blaze” che era stato malmenato pochi giorni fa. Si tratta del produttore rap Deric Angelettie, anche conosciuto nel “giro” come D-dot, e di Anthony Hubbard, general manager della Buystorm Enterprises. I due, accompagnati dai rispettivi avvocati, si sono presentati spontaneamente al 17° distretto di polizia di New York, dove sono stati arrestati. Pare che la causa reale del pestaggio di Washington sia da attribuirsi alla pubblicazione di una foto su “Blaze” in cui Angelettie è associato al nome di “Mad Rapper”; pare infatti che Angelettie volesse essere riconosciuto col solo nomignolo di “D-dot”, e vedere pubblica la sua identità anche come “Mad Rapper” lo avrebbe fatto andare in bestia.

Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.