Slayer accusati della morte di una ragazza in rituale satanico

Slayer accusati della morte di una ragazza in rituale satanico
Il gruppo metal è stato accusato dai genitori di Elyse Pahler, 19enne californiana uccisa nel 1996 in un rituale satanico da parte di tre giovani che si sono dichiarati fans del gruppo. Gli assassini, già in carcere, hanno dichiarato nella loro confessione che il sacrificio umano era “necessario” per fornire alla band da loro formata, gli Hatred, la spinta necessaria per avere successo. Sulla base delle loro dichiarazioni la famiglia Pahler sostiene che canzoni come “Postmortem” e “Dead skin mask” contenevano incitamenti a “violentare, torturare e compiere atti di necrofilia” sulla ragazza, citando gli “ispirati” versi: “Sento il bisogno di fottere questo corpo peccaminoso, la mia opera è completa, l’anima della pu***ana giace stuprata nella brama demoniaca”.
Casi simili hanno visto protagonisti Ozzy Osbourne e Judas Priest, entrambi assolti – ma in questo caso la Sony Music, casa discografica della band, deve aver temuto l’inversione di tendenza e si è affidata a un illustre togato, Floyd Abrams, che difenderà la libertà di espressione tutelata dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.