Ted Nugent denunciato per aver mancato a una cena

Ted Nugent denunciato per aver mancato a una cena
Una coppia del Nebraska ha fatto causa al chitarrista, reo di non aver rispettato un accordo con il sito eBay, che aveva messo all’asta due biglietti di prima fila per un concerto e una cena con Nugent. Ron e Krishelle Bennett hanno sborsato 1.535 dollari (circa tre milioni di lire) per trascorrere una serata indimenticabile col loro idolo a Bonner Springs, Kansas. I coniugi sostengono di aver ricevuto solo un breve saluto dietro le quinte da Nugent, ed essere stati poi fatti accomodare non in prima fila come prometteva l’offerta ma in 30ma (biglietti del valore di 45 dollari). Quanto alla cena, l’ex leader degli Amboy Dukes non si è fatto vedere. Il deluso Bennett, barista, ha affermato: “Quel tizio era il mio eroe. Ero così eccitato all’idea di incontrarlo. Fondamentalmente, ha distrutto la mia passione per il rock’n’roll”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.