Violento attacco degli Insane Clown Posse ad Eminem

Eminem sbeffeggiato dagli Insane Clown Posse. Forse amareggiati dallo scarso riscontro che i loro due ultimi dischi paralleli hanno avuto negli USA, gli ICP hanno attaccato Eminem ad un loro recente concerto al Bogarts di Cincinnati. I due rapper, riferendosi continuamente ad Em col termine “bitch”, hanno aizzato poi la folla con una trovata goliardica. “In alto le mani, chi si è fatto la mamma di Eminem!”, hanno chiesto i due, venendo subito accontentati dai fan. E, durante l’esecuzione di “Nothin’ but a bitch thang”, il loro pezzo sul rapper bianco, gli ICP hanno fatto salire sul palco due imitatori di Em che hanno simulato scene di sesso l’uno con l’altro. Si può anche dire che gli ICP non abbiano fatto altro che rendere ad Eminem pan per focaccia: lui infatti li aveva attaccati nel corso del suo ultimo tour USA, portando sul palco due bambole gonfiabili vestite da ICP che simularono scene di sesso orale l’una sull’altra.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.