Rock in Rio: tutti i maggiori gruppi locali entrano in sciopero

Rock in Rio: tutti i maggiori gruppi locali entrano in sciopero
Clamorosa protesta dei gruppi brasiliani contro il festival Rock in Rio. Parecchie band maggiori del Paese in cui sta per partire la sei giorni sonora hanno infatti deciso di aderire allo sciopero indetto contro la manifestazione: il risultato è che non si esibiranno, lasciando presumibilmente un “buco” sul palco. Ma perché questa protesta? I gruppi non hanno forse tutti i torti: formazioni meno note di loro, o che comunque localmente vendono meno, hanno ottenuto migliori collocazioni sul palco solo perché americane od inglesi. Tra gli aderenti vi sono gli Skank, che del loro ultimo album “Maquinarama” hanno piazzato 700.000 copie, ed i Charlie Brown Jr, i quali hanno venduto in tutto un milione di copie, mentre i Foo Fighters, che complessivamente ne hanno vendute la metà di loro, sono secondi nel cartellone di sabato 13.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.