I parlamentari USA ai discografici: 'collaborate con Napster'

I politici americani alzano nuovamente gli scudi a difesa del sito fondato da Shawn Fanning. Primo tra tutti il senatore repubblicano dello Utah Orrin Hatch, che aveva già avuto modo di manifestare esplicitamente le sue opinioni l’estate scorsa, presiedendo alle udienze parlamentari sul caso Napster (vedi news). Intervenendo nella giornata di mercoledì 10 gennaio alla conferenza “The future of Music Policy”, Hatch ha ribadito le sue posizioni, invitando l’industria discografica e le Web company che promuovono lo scambio in rete di file musicali a tenere aperte le porte a una collaborazione. “In caso contrario, se saranno gli stessi guardiani dei cancelli a restringere l’accesso, case discografiche, artisti e consumatori di musica perderanno un’opportunità unica”, ha ammonito Hatch, il quale ha aggiunto di sperare che l’accordo tra Napster e Bertelsmann si concretizzi entro l’anno nell’offerta di nuovi servizi musicali on-line. Alla autorevole voce di Hatch si sono aggiunte quelle di numerosi altri parlamentari, pronti a prendere le difese del sito californiano e a criticare aspramente i contenuti del Digital Millennium Copyright Act, la legge americana promulgata nel 1998 con l’obiettivo di tutelare i diritti d’autore nell’era digitale e che – nell’opinione di diversi legislatori – si è rivelato uno strumento utile a proteggere i profitti dell’industria dell’intrattenimento ma non gli interessi degli artisti e dei consumatori. Opinioni, queste, ribadite anche da interventi esterni come quello del rapper Chuck D, che nell’occasione ha confessato di incoraggiare i suoi tre figli all’uso di Napster, piuttosto che dei siti “legali” i quali richiedono somme di denaro a suo giudizio eccessive per scaricare musica dalla rete.
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.