Artisti e autori in marcia su Washington in difesa dei copyright delle canzoni ante-1978

Il pretesto l’hanno fornito i ZZ Top con la loro cover di "Boogie chillen", vecchio pezzo del bluesman John Lee Hooker, al quale non hanno concesso i diritti d’autore per un brano il cui copyright era da considerarsi scaduto, essendo datato 1948 e non essendo mai stata rinnovata la titolarità dei diritti. A nulla sono valse le proteste de La Cienega Music Company, che pubblicò originariamente il pezzo, alla quale la Corte Suprema non ha voluto concedere alcuna soddisfazione. Ed ora, temendo che dal prossimo anno analoga sorte possa toccare a qualsiasi pezzo anteriore al 1978 (vecchio, cioè, più di vent’anni - tanto concede la normativa alla durata dei diritti su una canzone), la National Music Publishers' Association ha deciso di esercitare tutte le pressioni di cui è capace sul Congresso americano. Ne vedremo delle belle: in prima fila per la NMPA, autorevoli "testimonial" del calibro di Lamont Dozier e Herb Albert.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.