Spotify in Usa, primi numeri ufficiosi: 70 mila paganti in una settimana

Partenza più che incoraggiante per Spotify negli Stati Uniti: secondo dati ufficiosi, ma riferiti da più fonti del settore discografico ed editoriale, in una sola settimana la società svedese avrebbe rastrellato circa 70 mila abbonamenti alle opzioni a pagamento della sua offerta di musica in streaming. Risultato notevole, se si considera che piattaforme già da tempo sul mercato come MOG e Rdio sono ancora al di sotto dei 100 mila paganti, e che per arrivare a quel traguardo il pur arrembante Muve (lanciato dall'operatore di telefonia mobile Cricket) ha impiegato circa sei mesi. I "big" sono ancora lontani, ma forse è solo questione di tempo: negli Stati Uniti Rhapsody conta attualmente 800 mila utenti a pagamento, mentre quelli di Napster appena prima dell'acquisto da parte di Best Buy (avvenuto nel 2008) ammontavano a 761 mila; entrambe le società sono in attività da diversi  anni, e ogni paragone diventa ovviamente improponibile. Sui numeri, Spotify mantiene per ora il più stretto riserbo mentre la responsabile marketing della società, Angela Watts, si limita a commentare a Billboard che "il lancio di Spotify negli Stati Uniti ha ecceduto le nostre aspettative, sia per quanto riguarda la riposta agli inviti a provare il servizio gratuito che per quanto riguarda gli abbonamenti. Siamo entusiasti di essere qui e siamo convinti che gli americani ameranno Spotify quanto la amano gli europei".

Nel frattempo la Web company ha firmato un accordo di licenza d'uso del repertorio anche con la BMI, che rappresenta oltre 475 mila autori, compositori ed editori musicali statunitensi.

 

 

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.