Streaming musicale: secondo Nielsen il mercato cresce troppo poco

Streaming musicale: secondo Nielsen il mercato cresce troppo poco

I tassi di crescita della fruizione di musica in modalità streaming sono ancora troppo ridotti per farne un modello di business affidabile e redditizio per l'industria musicale. Lo sostiene un nuovo "white paper" prodotto da Nielsen e focalizzato sull'andamento del mercato in quattro Paesi Europei (Regno Unito, Germania, Francia e Spagna) e negli Stati Uniti (prima del recente arrivo di Spotify: e si tratta ovviamente di un'assenza importante). Lo studio, che per quanto riguarda gli Usa prende in considerazione l'andamento di 18 servizi di streaming musicale tra cui iHeartRadio, Last.fm, Napster, Pandora, Rhapsody e Slacker, sostiene che la loro penetrazione complessiva rispetto alla popolazione americana, nell'aprile scorso, non andava oltre il 10,2 %: dato messo seriamente in discussione da Glenn Peoples di Billboard, tuttavia, dal momento che i dati comunicati dalla sola Pandora parlano di una base attiva di 36 milioni di utenti al mese (pari all'11,6 % della popolazione), quelli di Slacker di circa 25 milioni di ascoltatori (circa l'8 % della popolazione), e che un'indagine pubblicata a gennaio dall'ente di rilevazione radiofonica Arbitron sosteneva che il 34 % dei cittadini statunitensi ascolta la radio su Internet (il 13 % accedendo a servizi di streaming "puri", e cioè non collegati alla programmazione di emittenti AM/FM) con tassi di crescita che raddoppiano anno dopo anno.

L'indagine Nielsen, che ha registrato gli stream di MySpace (in forte calo) ma non quelli di YouTube o quelli che passano attraverso Facebook, rileva comunque una crescita del tempo trascorso ad ascoltare musica in streaming: nel Regno Unito, per esempio, la media è salita da 52 minuti a un'ora e undici minuti al mese (due ore al mese per gli utenti di Spotify).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.