I Rage Against The Machine mandano a farsi fottere la polizia

I Rage Against The Machine mandano a farsi fottere la polizia

Si è conclusa con la ‘vittoria’ dei Rage Against The Machine la lunga battaglia sostenuta tra il gruppo e William Wiester, sceriffo di George, cittadina nei pressi di Seattle, dove Zak De La Roha e soci avrebbero dovuto esibirsi venerdì scorso.

Lo sceriffo nei mesi scorsi aveva condotto delle investigazioni nel più perfetto ‘stile CIA’, finendo per raccogliere un dossier con cui contestava ai Rage atteggiamenti irriguardosi e sovversivi nei confronti delle forze dell’ordine. La causa era finita in tribunale, dove tuttavia veniva dato il via libera al concerto del gruppo: lo sceriffo Wiester non si è comunque dato per vinto ed ha annunciato per venerdì scorso una presenza massiccia della polizia al concerto. E infatti sono stati effettuati circa 80 arresti tra il pubblico della band, il tutto forse anche a causa di una mossa sicuramente geniale ma non proprio opportuna del gruppo, che ha deciso di aprire il concerto con una cover del brano dei Niggers With Attitude "Fuck the police".!.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.