Incubus, 'If not now, when?': 'Un disco che segna un momento speciale per noi'

Incubus, 'If not now, when?': 'Un disco che segna un momento speciale per noi'

Li avevamo lasciati nel 2006 con "Light grenades". Poi una pausa di cinque anni e un album solista per il frontman. Ora ritroviamo gli Incubus con un nuovo lavoro, "If not now, when?".

Un disco che arriva "in un momento speciale", come afferma Brandon Boyd, che abbiamo raggiunto a Los Angeles per una chiacchiarata rigurado i nuovi brani, i progetti futuri ed i loro live europei. Brandon ha una voce che ti mette subito a tuo agio, è calmo, rilassato, sereno. Comincia a raccontarci delle canzoni di "If not now, when?" e della loro genesi: "Scrivo sempre pensando alla mia vita, a che uomo sono diventato e alle esperienze vissute. C'è molto di mio nelle canzoni. 'If not now, when?' è una riflessione sulla condizione umana attuale, sociale, politica, personale. Il titolo del disco riprende da una frase, diventata ormai un clichè per me. Durante la mia esistenza mi sono sentito ripetere mille volte: 'se non ora, quando?', 'se non lo fai adesso quando sarà il momento giusto?'. Ebbene, forse non c'è una risposta, o almeno non c'è una risposta uguale per tutti e in questo album ho cercato di riflettere sull'importanza del tempo, sullo scorrere della vita, sul cogliere l'attimo. Allargando lo sguardo alla società, c'è una spaccatura profonda, sia religiosa, che politica, che economica, e siamo tutti in attesa dell'istante in cui queste divisioni si congiungeranno, e ci si chiede se non accade adesso, quando accadrà. Questo album è un'evoluzione, sia personale sia inerente la storia della band. Torniamo dopo cinque anni d'assenza e vent'anni di carriera alle spalle: è un momento speciale per noi. "If not now, when?' è sicuramente una tappa importante, un segno forte nel percorso degli Incubus, e questo titolo si sposava perfettamente con il concept del nostro nuovo lavoro", afferma Boyd. La copertina del disco, scelta da Brandon, noto appassionato di arte e fotografia, ritrae l'artista e performer Philippe Petit in bilico su una fune. Brandon ci spega il motivo di questa scelta: "Ho visto alcune performance di Petit immortalate in una galleria d'arte e sono rimasto subito affascinato. Un uomo che percorre impavido una fune, andando avanti senza esitazioni. Questa immagine mi è sembrata perfetta per la copertina del nostro nuovo lavoro. Puo' essere letta come una metafora della vita: una continua ricerca di equilibri e di senso. E' come se tutti noi camminassimo su una corda tesa. Io mi sento continuamente in bilico, sono continuamente alla ricerca di un mio equilibrio personale, che muta a seconda delle fasi della vita. Anche noi come band, cerchiamo il nostro equilibrio, e in quest'album lo abbiamo rinnovato, rinnovando anche noi stessi", prosegue il cantante. Le sonorità di "If not now, when?" lasciano da parte la psichedelia dei precedenti lavori per abbracciare melodie più complesse: "I brani dell'album sono molto armonici, hanno un andamento fluido, sono un po' simili ad un fiume che scorre tranquillo. Abbiamo tralasciato la psichedelia per accostarci a sonorità più complesse, più costruite, a tratti più oscure, 'dark' direi. Come nella title track, ad esempio. E' una vera e propria lettera d'amore, romantica, intima, audace, forte ma allo stesso tempo serafica, di classe. Dopo aver scritto questo pezzo ci siamo accorti che stavamo tirando fuori una nuova parte degli Incubus, stavamo creando qualcosa che va oltre le nostre precedenti produzioni. Come ho già detto prima, per noi questo disco rappresenta davvero un momento magico", sostiene l'artista. Per quanto riuarda i prossimi live,abbiamo chiesto a Brandon se la band farà tappa in Italia: "Assolutamente si, vogliamo tornare in Italia per dei live, amiamo il vostro paese. Stiamo pianificando il tour europeo e credo proprio che, molto probabilmente, saremo da voi in autunno", conclude Brandon. Terminato il tempo a disposizione, salutiamo il leader degli Incubus e lo aspettiamo, insieme alla band, per i prossimi concerti nel nostro paese.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.