Spotify, finalmente il debutto negli Stati Uniti

L'accordo di licenza con Warner Music, siglato in extremis nelle ultime 24 ore, apre finalmente la strada - con due anni di ritardo... - al lancio di Spotify negli Stati Uniti. Il servizio di streaming svedese sbarca in territorio nordamericano con un'offerta molto simile a quella sperimentata in Europa: un "entry level" gratuito, che inizialmente sarà riservato a un gruppo selezionato di invitati e solo successivamente aperto al resto pubblico; e due opzioni a pagamento, senza pubblicità, per 4,99 dollari (servizio "Premium", accesso via computer) e 9,99 dollari al mese (servizio "Unlimited", con la possibilità di collegarsi anche attraverso smartphone e dispositivi mobili); i piani tariffari in abbonamento consentiranno di accedere a novità in anteprima e di partecipare a concorsi. Non è specificato, al momento, se  l'uso della piattaforma gratuita (punto molto controverso che ha protratto per anni le trattative con la major) sarà limitato a 10 ore di ascolto al mese come avviene da maggio negli altri mercati in cui la piattaforma è disponibile. Il lancio americano è accompagnato da partnership importanti, che preannunciano operazioni promozionali per le settimane a venire da parte dei marchi coinvolti: Coca-Cola, Sprite, Motorola, Chevrolet, Reebok, The Daily e Sonos, società che fabbrica impianti per l'ascolto di Internet Music in modalità hi-fi.

    L'accordo di licenza con Warner Music, siglato in extremis nelle ultime 24 ore, apre finalmente la strada - con due anni di ritardo... - al lancio di Spotify negli Stati Uniti. Il servizio di streaming svedese sbarca in territorio nordamericano con un'offerta molto simile a quella sperimentata in Europa: un "entry level" gratuito, che inizialmente sarà riservato a un gruppo selezionato di invitati e solo successivamente aperto al resto pubblico; e due opzioni a pagamento, senza pubblicità, per 4,99 dollari (servizio "Premium", accesso via computer) e 9,99 dollari al mese (servizio "Unlimited", con la possibilità di collegarsi anche attraverso smartphone e dispositivi mobili); i piani tariffari in abbonamento consentiranno di accedere a novità in anteprima e di partecipare a concorsi. Non è specificato, al momento, se  l'uso della piattaforma gratuita (punto molto controverso che ha protratto per anni le trattative con la major) sarà limitato a 10 ore di ascolto al mese come avviene da maggio negli altri mercati in cui la piattaforma è disponibile. Il lancio americano è accompagnato da partnership importanti, che preannunciano operazioni promozionali per le settimane a venire da parte dei marchi coinvolti: Coca-Cola, Sprite, Motorola, Chevrolet, Reebok, The Daily e Sonos, società che fabbrica impianti per l'ascolto di Internet Music in modalità hi-fi.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.