SCF, i 'dissidenti' ci ripensano

Rientrano nei ranghi i "dissidenti" di SCF, consorzio di case discografiche e produttori fonografici incaricato di riscuotere, amministrare e ripartire i cosiddetti "diritti connessi" versati dagli utilizzatori di musica registrata (radio, televisioni, siti Internet, discoteche, bar, negozi ecc.). Come noto, a seguito della querelle con i network radiofonici e di una situazione di bilancio che aveva lasciato insoddisfatte molte aziende, le etichette Sugar, Carosello, NAR, Time, Irma, Saifam e Ala Bianca (tutte aderenti all'associazione di categoria PMI) avevano deciso di revocare parzialmente i loro mandati di rappresentanza. Ma in una lettera inviata ieri, 12 luglio, ai dipendenti SCF il presidente Enzo Mazza, subentrato nel maggio scorso a Saverio Lupica, informa che "la mediazione condotta ha riportato le imprese a ricompattarsi e ad accettare, con spirito comune, una proposta di rilancio di SCF, entità strategica del settore". Riflettendo su una spaccatura, "le cui conseguenze sarebbero anche potute essere fatali per la collecting", Mazza ringrazie "le aziende di categoria D (cioè le major EMI, Sony, Universal e Warner) per aver accettato, cosa non facile in un periodo come questo, di mettere mano al portafoglio, e farsi carico dei costi che superavano il 25 per cento nel 2010", nonche di "essersi accollati la differenza di costi per il 2011 e il 2012 per tutte le classi di consorziati". "Uno sforzo che per ora consente in parte di risolvere le criticità emerse con le precedenti gestioni", conclude il presidente, e "un segnale importante che ha portato le altre imprese consorziate che avevano ritirato il mandato sui broadcaster a dare nuovamente fiducia ad SCF consentendo cosí di portare a termine, mi auguro a breve, anche la trattativa con i maggiori network radiofonici".

    Rientrano nei ranghi i "dissidenti" di SCF, consorzio di case discografiche e produttori fonografici incaricato di riscuotere, amministrare e ripartire i cosiddetti "diritti connessi" versati dagli utilizzatori di musica registrata (radio, televisioni, siti Internet, discoteche, bar, negozi ecc.). Come noto, a seguito della querelle con i network radiofonici e di una situazione di bilancio che aveva lasciato insoddisfatte molte aziende, le etichette Sugar, Carosello, NAR, Time, Irma, Saifam e Ala Bianca (tutte aderenti all'associazione di categoria PMI) avevano deciso di revocare parzialmente i loro mandati di rappresentanza. Ma in una lettera inviata ieri, 12 luglio, ai dipendenti SCF il presidente Enzo Mazza, subentrato nel maggio scorso a Saverio Lupica, informa che "la mediazione condotta ha riportato le imprese a ricompattarsi e ad accettare, con spirito comune, una proposta di rilancio di SCF, entità strategica del settore". Riflettendo su una spaccatura, "le cui conseguenze sarebbero anche potute essere fatali per la collecting", Mazza ringrazie "le aziende di categoria D (cioè le major EMI, Sony, Universal e Warner) per aver accettato, cosa non facile in un periodo come questo, di mettere mano al portafoglio, e farsi carico dei costi che superavano il 25 per cento nel 2010", nonche di "essersi accollati la differenza di costi per il 2011 e il 2012 per tutte le classi di consorziati". "Uno sforzo che per ora consente in parte di risolvere le criticità emerse con le precedenti gestioni", conclude il presidente, e "un segnale importante che ha portato le altre imprese consorziate che avevano ritirato il mandato sui broadcaster a dare nuovamente fiducia ad SCF consentendo cosí di portare a termine, mi auguro a breve, anche la trattativa con i maggiori network radiofonici".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.