Radio, Internet e tv:: Music Control diventa Nielsen Music

Music Control diventa Nielsen Music, con un cambio di ragione sociale che riflette un riposizionamento strategico: da presidio storico (insidiato da nuovi concorrenti, anche in Italia) delle rilevazioni dell'airplay radiofonico a servizio informativo a 360 gradi grazie alle nuove partnership siglate con TuneSat (specializzata nel monitoraggio sistematico dell'uso di musica registrata in tv) e LicenseStream (il cui Internet Content Tracker permette di rintracciare gli utilizzi musicali sul Web). "Per anni il core business di Music Control si è identificato con l'airplay monitoring e con le classifiche di vendita, non solo digitali" spiega Marina Carissimi, da un anno subentrata a Patrizia Mezza nel ruolo di country manager della società. "Ora la fisionomia dell'azienda è totalmente diversa: le rilevazioni radio fanno parte di un portfolio di servizi che assecondano i cambiamenti, rapidi e profondi, che stanno interessando l'industria musicale".

I nuovi asset di Nielsen, presentati a Milano un paio di settimane fa da Chris Woods e Melissa Goodman di TuneSat davanti a una platea di editori musicali, discografici e dirigenti di agenzie di collecting, rispondono precisamente a questi obiettivi. TuneSat, fondata nel 2007 negli Stati Uniti da Scott Schreer, ha sviluppato una piattaforma tecnologica che oggi tiene sotto costante osservazione i programmi di oltre 200 televisioni negli Stati Uniti e in Europa (più di 65 le emittenti monitorate in Italia, Francia, Germania e Regno Unito) intercettando gli utilizzi musicali anche in presenza di voiceovers, dialoghi o forti rumori di fondo. La società assicura report aggiornati quasi in tempo reale (30 minuti) con indicazione del canale, del programma, dell'episodio, della data, dell'ora e della durata del "passaggio", e la disponibilità di un file audio mp3 scaricabile sul pc a comprova dell'avvenuta messa in onda. L'Internet Content Tracker di LicenseStream, nato per rilevare violazioni di copyright d'immagine sul Web, si avvale invece della libreria musicale e del know how della stessa TuneSat per monitorare 24 ore su 24 4 milioni e mezzo di siti Web equivalenti a 600 milioni di pagine elettroniche. Entrambi i sistemi utilizzano per il riconoscimento e la comparazione dei brani musicali la tecnologia del fingerprinting, impronta digitale che permette di identificare con certezza ogni singolo titolo di cui si è effettuato l"encoding" e di cui l'avente diritto ha richiesto il monitoraggio (il prezzo del servizio è ovviamente commisurato al numero di brani di cui viene tenuta traccia) . "L'analisi dell'utilizzo dei brani in Internet e in televisione", sottolinea Carissimi, "risponde a tre finalità essenziali: misurazione dell'efficacia delle campagne di marketing e promozione, possibilità di 'monetizzare' gli utilizzi ricavandone un ritorno economico e individuazione di eventuali situazioni di illegalità. Il reporting è flessibile e modellato sulle esigenze del singolo cliente: che ha a disposizione programmi automatizzati per gestire una mole enorme di informazioni e i rapporti con gli utilizzatori". "Un innovativo servizio che stiamo cercando di sviluppare con i vari interlocutori del settore", anticipa la manager di Nielsen, "riguarda i report combinati: analisi ad hoc per artista/album in cui si incrociano dati di visibilità in Italia e all’estero su radio e Tv tramite i dati di airplay integrati con dati di vendite digitali e approfondimenti in merito alla visibilità online".

A chi si rivolge il nuovo "pacchetto"? "A editori musicali, manager e case discografiche, in primo luogo. Ma anche a società di collecting come SCF e SIAE (con cui, ha rivelato Woods durante la sua visita italiana, i contatti sono ancora agli stadi iniziali), per una più precisa ripartizione delle royalty. O agli stessi broadcaster, cui il servizio di Tunesat permetterebbe di perfezionare i sistemi di accounting agli aventi diritto. Il differenziale tra i loro tabulati e quanto registra il nostro sistema è ancora piuttosto alto: le stesse emittenti televisive tendono normalmente a rendicontare il contenuto dei soli programmi musicali o degli eventi live, molto più raramente l'utilizzo di musica all'interno di rubriche, servizi giornalistici e programmi non musicali".

Una carenza del sistema è già stata rilevata da alcune società di publishing: l'associazione univoca tra brano e "impronta digitale" non consente di individuare le cover, che genererebbero diritti aggiuntivi per autori ed editori. "E' un limite ma anche una garanzia", sostiene Carissimi, "perché i parametri di un sistema che permette di fare accounting e di monetizzare gli utilizzi devono essere necessariamente molto rigorosi: la soluzione consiste nel codificare tutte le versioni di un brano esistenti in commercio, siglando partnership che consentano di allargare la library in maniera esponenziale". E il "sommerso", lo user generated content? "Si tratta di studiare e mettere in funzione algoritmi più complessi che identifichino la linea melodica. Arriveremo anche a questo", promette Woods.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.