Il nuovo logo di MTV: anche in Italia non è più 'music television'

Il nuovo logo di MTV: anche in Italia non è più 'music television'

Quando, l'8 febbraio del 2010, sul sito di MTV Usa apparve per la prima volta il nuovo logo del network privo della dicitura "music television", Rolling Stone parlò della "fine di un'era". Dall'inizio di questo mese il restyling grafico del marchio è stato esteso a tutte le società internazionali del gruppo, MTV Italia compresa: il vecchio logo è sostituito da due nuove icone, una nera su sfondo bianco e una bianca su sfondo nero.

Un anno fa si disse che la nuova veste grafica rifletteva il graduale ma deciso spostamento del peso della programmazione dalla musica ad altre forme di intrattenimento: cancellata TRL, i nuovi programmi guida dell'emittente erano diventati reality show come "Jersey shore" e "The hills". E all'epoca la responsabile marketing Tina Exharos confermò al Los Angeles Times che "la gente che la guarda oggi, non fa più riferimento a MTV come a una televisione musicale" (anche se la musica rimane pur sempre un ingrediente fondamentale del palinsesto, soprattutto nella nuova famiglia di canali digitali dedicati a hits, classici e novità o nella declinazione del live show).

Disegnato dal collettivo Manhattan Design sotto il coordinamento dell'allora direttore creativo di MTV Fred Seibert, il logo originale di MTV non includeva - secondo quanto raccontato da uno dei grafici responsabili, Frank Olisky - il "sottotitolo" di Music Television, aggiunto in un secondo momento su richiesta dei vertici dell'azienda. Il network iniziò le trasmissioni negli Stati Uniti il 1 agosto del 1981: il primo videoclip trasmesso, come noto, fu il premonitore "Video killed the radio star" dei Buggles.

 

Music Biz Cafe, parla Enzo Mazza (FIMI)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.