E’ successo nel 2000: 15 aprile

E’ successo nel 2000: 15 aprile
I Metallica fanno causa a Napster (15 aprile 2000)

I Metallica hanno citato in giudizio, rivolgendosi alla corte distrettuale di Los Angeles, la Napster, che produce il celebre programma per la condivisione di file ( e brani) via web, coinvolgendo anche tre università: University of Southern California, Yale University e Indiana University; a fianco della band, invece, la società di publishing Creeping Death Music e la E/M Ventures.

L’accusa: violazione del copyright, uso illegale di interfaccia digitale audio e violazione del “Racketeering Influenced & Corrupt Organizations Act (RICO)”. I Metallica sono il primo gruppo a citare in giudizio Napster, anche perché sono tra le poche band a detenere tanto i propri master, quanto le edizioni; le tre università sono restate coinvolte perché non hanno bandito l’uso di Napster, come invece hanno fatto oltre 200 scuole americane. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.