Big 4, la diretta: il report del concerto dei Metallica

Big 4, la diretta: il report del concerto dei Metallica

Sono le 21:30 in punto quando il classico intro di Morricone annuncia l'ingresso sul palco dei Metallica, con la folla in delirio che canta a squarciagola. I Four Horsemen partono picchiando subito durissimo, con una "Hit the lights" suonata alla velocità della luce che infiamma gli animi e il pogo. James Hetfield arringa il pubblico, scherza, si destreggia in tutto il campionario da istrione imparato in 30 anni di concerti e si crea immediatamente il feeling giusto coi fan. La scaletta assesta una raffica di colpi senza tregua inizialmente, con - in rapida sequenza - "Master of puppets", "The shortest straw" e la canzone-inno "Seek & destroy", cantata da tutti.
Il primo momento di respiro, se così la possiamo chiamare, arriva con una versione di "Welcome home (sanitarium)" che prelude comunque alla spaccaossa "Ride the lightning".
I quattro Metallica sul palco si allontanano l'uno dall'altro fino a perdere il contatto visivo, ma colpisce come, ogni volta, tornino a cercarsi, come se avessero bisogno di sentirsi a vicenda, come quando si suona nei piccoli club spalla a spalla. Hetfield spesso si avvicina alla batteria e si sofferma a scambiare sguardi, smorfie e battute con Ulrich (a un certo punto, sul maxischermo, si legge chiaramente il labiale di James che dice a Lars: "It's amazing!").
Sono poche le concessioni alla produzione post "Black album", quasi a voler dichiarare l'intenzione di celebrare il periodo più classico e generalmente osannato da tutti i fan di vecchia data. Del resto questo è il Big 4, che nasce come esaltazione del quadriumvirato del thrash metal originario e più classico.
Quando è il momento di "One" le luci si abbassano, l'oscurità cala e il palco è invaso da spari, boati, rumori di battaglia. All'improvviso una scarica lunghissima di esplosioni e lampi... e parte l'arpeggio iniziale, in un momento decisamente d'atmosfera. Kirk Hammett, guitar hero purosangue, sembra inciampare ogni tanto nei passaggi più acrobatici, ma non è necesariamente un male, visto che questo particolare umanizza, in un certo senso, quella che è diventata una vera e propria macchina da guerra, ossia i Metallica.
Prima del gran finale ancora un paio di brani più "intimisti" ("Fade to black" e "Enter sandman") fanno calmare lievemente i bollenti spiriti, ma poi arriva la botta conclusiva. Vengono portati sul palco alcuni ampli supplementari, James scherza un po' e poi annuncia il momento da molti atteso: la mega-jam dei Big 4, in cui musicisti di Anthrax, Megadeth, Slayer e Metallica suonano tutti assieme un brano; questa sera viene proposta - a sorpresa - una cover dei Misfits che i Metallica eseguivano abitualmente diversi anni fa: "Die die my darling"; un brano punk'n'roll semplice e diretto che fa scatenare musicisti e pubblico.
Ma non è ancora finita, per fortuna. Tutti chiedono di più e i Four Horsemen non si tirano indietro, scaricando sui 35.000 presenti una violentissima "Damage inc." e "Creeping death", con lancio di palloni gonfiabili neri griffati Metallica - che dopo avere rimbalzato per un po' sulla folla vengono cannibalizzati e spariscono.
Un grande concerto, con ottimi suoni e grande presenza scenica, che di sicuro non ha scontentato nessuno e ha ripagato del caldo patito in questa torrida giornata di luglio.

Setlist Metallica:

- Hit the Lights

- Master of Puppets

- The Shortest Straw

- Seek & Destroy

- Welcome Home (Sanitarium)

- Ride the Lightning

- Through The Never

- All Nightmare Long

- Sad But True

- The Call of Ktulu

- One

- For Whom the Bell Tolls

- Blackened

- Fade to Black

- Enter Sandman

Encore:

- Die, Die My Darling (Misfits cover) (insieme a Slayer, Megadeth e Anthrax)

- Damage Inc.

- Creeping Death
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.