E’ successo nel 2000: 23 gennaio

RIAA contro MP3.com: parte la causa (23 gennaio 2000)

Con l'accusa di violazione di copyright, la Recording Industry Association of America (RIAA) ha intentato causa a New York contro MP3.

com, rea di avere messo in linea una "biblioteca" di 40.000 album sul suo nuovo servizio "My.MP3.com" i cui diritti di uso e diffusione sono, ovviamente, protetti e riservati. E' una funzione in particolare, denominata "Beam-it", a essere sotto accusa: ricorrendovi, ciascun utente può ascoltare la musica sul lettore CD di altri utenti collegati; pur non implicando il "download" del brano, il software verifica che il pezzo appartenga all'enorme collezione catalogata su MyMP3.com e effettua lo streaming a beneficio di chiunque sia collegato e registrato in quel momento. Nemmeno la funzione "Instant Listening" - un servizio che permette di acquistare CD dai partner di MP3.com ed ascoltarli istantaneamente - è stata risparmiata dai legali delle RIAA, che argomentano:.


"Questi servizi sono fondati su un archivio digitale non autorizzato... E' musica che non appartiene a MP3.com".
Michael Robertson, CEO di MP3.com, di fronte al pericolo che i nuovi servizi vengano interrotti per decisione di una corte federale (pare, peraltro, che la RIAA non abbia chiesto risarcimenti monetari), ha replicato che si difenderà con vigore, precisando che i suoi servizi "forniscono ai consumatori maggiori opzioni per fare ciò che desiderano con musica che già possiedono: la nostra tecnologia consente agli artisti di comunicare direttamente con i loro fans".
Hillary Rosen, a nome di RIAA, replica ancora più veementemente: "Non siete assolutamente liberi di prendervi opere protette semplicemente perchè lo volete; le azioni di MP3.com non solo violano i diritti delle aziende a noi associate, ma sono anche un affronto per gli artisti, gli editori musicali e gli autori, i produttori e i distributori".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.