L'Europa propone un fondo per l'industria culturale, soddisfatte le indies

La discografia indipendente europea e italiana, rappresentata nel caso specifico da Impala e da PMI, ha accolto con soddisfazione la proposta avanzata dal Consiglio d'Europa di istituire un fondo di garanzia a disposizione delle industrie creative e culturali. Il fondo, la cui erogazione entrerebbe a regime a partire dal 2014, farebbe parte di un programma quinquennale del valore di 1,6 miliardi di euro denominato Creative Europe e amministrato dalla European Investment Bank attraverso diversi strumenti di finanziamento e di sostegno. Secondo le stime di Impala, il provvedimento potrebbe mettere a disposizione delle piccole e medie imprese del settore fondi di garanzia per un valore di 400 milioni di euro, utili a sostenerne i programmi di sviluppo e la richiesta di prestiti alle banche nazionali: le quali, per erogare finanziamenti alle imprese culturali, richiedono normalmente garanzie sotto forma di risorse personali e collaterali che ad oggi limitano sostanzialmente le possibilità di accesso al credito da parte delle indies. "Questa proposta", ha commentato il presidente esecutivo di Impala Helen Smith, "è un'ottima notizia per il settore della musica. L’obiettivo è riuscire a coniugare questo fondo con misure concrete che migliorino le possibilità di accesso al mercato per le piccole e medie imprese per trasformare radicalmente l’industria culturale europea".

Per entrare in vigore, la proposta formulata dalle autorità europee dovrà essere approvata con decisione unanime da tutti gli Stati Membri dell'Unione Europea.

Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.