Accordo fatto tra Viva e Rete A: ma MTV non ci sta

Accordo fatto tra Viva e Rete A: ma MTV non ci sta
Le indiscrezioni che circolavano da alcuni mesi sul prossimo divorzio tra MTV e Rete A e sull’imminente ingresso in Italia del canale musicale Viva (vedi news) trovano conferma in un comunicato congiunto con cui l’emittente di Alberto Peruzzo e la rete tedesca annunciano il loro prossimo “matrimonio”: in base all’accordo Viva, che in patria ha reso la vita assai difficile a MTV, sbarcherà in Italia in primavera con una programmazione modellata ad hoc sui gusti del pubblico italiano; mentre l’emittente statunitense sarebbe conseguentemente pronta a traslocare sulle frequenze di TMC2, entrando nell’orbita del gruppo Seat, nuovo proprietario della rete di Cecchi Gori.
La notizia è illustrata con dovizia di particolari nell’edizione odierna (lunedì 4 dicembre) del Corriere della Sera, con un lungo servizio nella pagina Spettacoli a firma di Maria Volpe: ma in realtà le cose non sembrano essere così semplici, e sull’esito dell’operazione pesano ancora due grossi interrogativi. Prima di tutto, Rete A non dispone per il momento di una autorizzazione a trasmettere via etere, dopo il diniego della concessione da parte del ministro delle Comunicazioni Salvatore Cardinale (vedi news) che l’emittente di Peruzzo sta contrastando in tribunale: anche se tanto l’editore che i vertici di Viva si dichiarano convinti che il ministro farà marcia indietro, ora che il canale italiano ripropone la sua candidatura a fianco di un partner di passaporto europeo. In secondo luogo, MTV (che le notizie raccolte dal Corriere danno pronta a trasferirsi su TMC2 dal prossimo mese di giugno) sembra intenzionata a vendere cara la pelle, o quantomeno a non andarsene via a mani vuote: in un comunicato diffuso dalla sede di Londra, i portavoce dell’emittente replicano alla notizia dell’accordo tra Viva e Rete A ribadendo che MTV ha con quest’ultima “un rapporto contrattuale esclusivo” che intende far rispettare fino in fondo. “MTV – prosegue il comunicato – ha sviluppato un rapporto di forte lealtà con il pubblico italiano e resta intenzionata a fornire una vetrina per i migliori talenti musicali locali e internazionali”: un impegno, aggiungono i portavoce dell’emittente, sottolineato dal recente incremento della produzione locale e dalla apertura, prevista questa settimana, dei suoi nuovi studi romani (vedi news).
Dal canto suo, anche Viva proclama battaglia: “Sbaraglieremo MTV”, ha dichiarato al Corriere Dieter Gorny, il presidente dell’emittente che ha già esteso il suo campo d’azione a paesi come Svizzera e Polonia mentre si prepara a sbarcare anche in Spagna (vedi news). Viva e Rete A hanno già fornito anticipazioni anche sui contenuti dei programmi che intendono realizzare congiuntamente, il 70 % dei quali dovranno essere realizzati in loco, negli studi milanesi di Rete A. Ma in che modo (e a quali costi) i due nuovi partner aggireranno gli ostacoli che si frappongono alla loro annunciata alleanza è ancora tutto da vedere.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.