NEWS   |   Pop/Rock / 03/12/2000

Smashing Pumpkins, ‘l’ultimo respiro’

Smashing Pumpkins, ‘l’ultimo respiro’
“Benvenuti all’ultimo respiro degli Smashing Pumpkins”: con queste parole Billy Corgan ha aperto il concerto d’addio della band, che sabato sera 2 dicembre hanno tenuto il loro concerto d’addio (vedi News) al Metro di Chicago, lo stesso club dove avevano debuttato 13 anni fa. Quattro ore e mezza di concerto, alla fine del quale Corgan ha pianto commosso. La serata è stata divisa in tre “atti” seguiti da quattro bis. Corgan, James Iha (chitarrista e confondatore del gruppo), il batterista Jimmy Chamberlin e la bassista Melissa Auf Der Maur hanno riproposto tutti i maggiori successi degli Smashing Pumpkins (fra cui “Today”, “Bullet with butterfly wings” e “Cherub rock”, per la quale è salito sul palco il chitarrista dei Cheap Trick Rick Nielsen) ma anche piccoli classici dei primi anni come “Rhinoceros” (dall’album “Gish”) e “Drown” (dalla colonna sonora del film “Singles”).
Lo spettacolo si è chiuso a mezzanotte e venti minuti, quando Corgan ha esclamato “God bless the Smashing Pumpkins”. Ad ognuno dei presenti (1.100 persone) è stato dato in omaggio un Cd contenente la registrazione del primo concerto della band al Metro (il 5 ottobre 1988).
Scheda artista Tour&Concerti
Testi