I romani Otto Ohm portano un po' di sole a Milano

I romani Otto Ohm portano un po' di sole a Milano
“Crepuscolaria” è il singolo estratto dal primo album omonimo degli Otto Ohm, gruppo romano capitanato dal ventisettenne Andrea Leuzzi detto “Bove”, e formato, come si può prevedere dal curioso nome, da otto elementi. Sebbene il titolo del brano trainante dell’album anticipi una cupa atmosfera, la giornata di Martedì 29 Novembre è luminosa, e forse dobbiamo proprio ringraziare le vibrazioni che il loro disco riesce a trasmettere: suoni eclettici piuttosto personali che abbiamo tentato di decifrare insieme a Bove. “La storia degli Otto Ohm è cominciata in casa insieme a Jolly Dread, il dub master del gruppo, e dopo un anno si sono aggregati anche gli altri membri, vecchi amici con i quali però non avevamo mai pensato di poter fare qualcosa di concreto insieme; infatti il primo demo che abbiamo prodotto è stato una specie di prova per capire se eravamo in grado di fare questo mestiere. In realtà non c'è mai stata un'idea precisa, tutto quello che è nato è stata pura sperimentazione, e i ritmi sono scaturiti a seconda del nostro umore".
Bove è un ragazzone tranquillo e cordiale che ti guarda come guarderebbe una persona che, come lui, è appassionata di musica e magari colleziona dischi di vinile: con interesse e attenzione; e non si sorprende più di tanto di svelare, probabilmente per la millesima volta, la formula che sta dietro al nome adottato dal gruppo: “Questa in effetti è una cosa importante. 'Otto Ohm' rappresenta, nel linguaggio tecnico usato nella musica , il carico di impedenza che devono avere le casse dello stereo per generare un suono avvolgente e d’impatto. Mi rendo conto che nessuno ne ha capito veramente il significato, perché magari non ha dimestichezza con questi linguaggi tecnici”.
La musica degli Otto Ohm è calda come il nome che si porta dietro, una miscela di reggae, drum ‘n’ bass, jungle e two-step, ma sempre aperta ad ogni contaminazione. “Il reggae è sicuramente la colonna portante del nostro album”, esclama quasi orgoglioso Bove, “ma anche tutto quello che vediamo e sentiamo ci influenza; per esempio i vecchi dischi dei miei genitori, ma anche la televisione, le musiche da pubblicità e i jingle delle trasmissioni. Credo che inconsciamente questo influenzi ognuno di noi”.
In realtà ciò che la formula degli Otto Ohm riesce a dare all’ascoltatore ha la bellezza delle sere di fine Settembre, quando si ricorda con malinconia il caldo dell’estate e si ripensa ad un tempo perduto e ormai lontano; parole e pensieri agrodolci che hanno il potere, per l’appunto, di incantare come il crepuscolo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.