Faenza, premiati i migliori video indipendenti

Faenza, premiati i migliori video indipendenti

Si è tenuta ieri a Faenza nell’ambito del MEI – Meeting Etichette Indipendenti – la cerimonia di assegnazione del Premio Videoclip Indipendenti. Alla fase finale erano approdato venti su oltre cento videoclip pervenuti, e la giuria – composta da Aldo Grasso (critico televisivo del Corriere della Sera), Manlio Sgalambro (filosofo, paroliere di Franco Battiato), Franco Zanetti (direttore editoriale di Rockol), Fabiola Naldi (critico d’arte della rivista FlashArt), Paola Maugeri (conduttrice radiofonica e televisiva), Mark Dezzani (giornalista, collaboratore di “Billboard”), Francesca Dall’Olio (fotografa autrice di molte copertine di dischi e videomaker), Felix (conduttore televisivo di “Proxima” su Tmc2), Gaetano Morbioli (regista di videoclip), Sabino Esposito (regista televisivo, “Come Thelma e Louise” su Tmc2) e Roberto Casiraghi (direttore della rivista DVD World) – ha scelto i vincitori per cinque categorie. I premi sono stati assegnati a: “Testa di cane” degli Zu (miglior soggetto), “Simplemente asì” di Painé (miglior montaggio), “King Cobra” delle Motorama (miglior fotografia), “Club privé” dei Massimo Volume (migliore regia). “Le foto dello scandalo” del Complesso Residenziale ha – meritatamente - ricevuto il premio per il miglior videoclip in assoluto.
Nel corso della cerimonia sono stati assegnati anche premi speciali decisi dall’organizzazione del Premio. Miglior videoclip “impegnato” italiano è risultato “Comuntwist” dei 99 Posse; miglior video “pop” italiano “La descrizione di un attimo” dei Tiromancino; miglior video “sperimentale” dell’anno “Frammenti di una biografia per versi e voce”, video “non autorizzato” su “Ed io fra di voi” di Battiato realizzato da Elisabetta Sgarbi (erano presenti in sala anche Franco Battiato e Manlio Sgalambro). Un premio per il miglior video “artistico” italiano degli anni Novanta è andato a “Sangue impazzito” dei Timoria (un video del ’93 mai diffuso, diretto da Sandra Pescetta e Alex Orlowski); un premio alla miglior videografia musicale italiana è stato assegnato ai Marlene Kuntz; e Tarsem ha ritirato personalmente il premio per il miglior regista di videoclip degli anni Novanta.
La conclusione dell’incontro ha visto la proiezione in anteprima del nuovo video di Biagio Antonacci, “Le cose che hai amato di più”, diretto da Gaetano Morbioli e fotografato dal premio Oscar Vittorio Storaro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.