NEWS   |   R'n'B / hip hop / 16/06/2011

Oggi Tupac Shakur avrebbe fatto 40 anni. E spunta la confessione del suo killer

Oggi Tupac Shakur avrebbe fatto 40 anni. E spunta la confessione del suo killer

Se fosse stato vivo, oggi Tupac Shakur avrebbe compiuto 40 anni. Lo storico rapper è morto il 7 settembre del 1996, colpito da una raffica di colpi di pistola a Las Vegas, di fronte all'IGM Grand Hotel a causa della rivalità tra gli esponenti della West Coast e della East Coast. Era appena tornato dal match di box tra Mike Tyson e Bruce Sheldon. MTV News oggi per ricordarlo ha riportato alcuni estratti di una sua intervista risalente al 1992. "Non voglio essere un modello di comportamento, questa cosa mi limiterebbe", ha dichiarato Tupac riferendosi al suo brano "Ghetto star", "Basta pensare alla parola modello, è una parola falsa. Significa che stai recitando un ruolo. Io invece sono una persona vera: bevo, sto in giro e vado ai party. Faccio le stesse cose che farebbe un ragazzo di 21 anni".
Per lui essere un rapper ha sempre avuto un significato preciso. "Tutte le persone del mondo dello spettacolo che ha i soldi guarda ai rapper come persone ignoranti con il microfono, che si tengono il pacco, indossano i Kangols e si siedono su troni dorati. Ma non è affatto così", ha concluso Tupac nell'intervista d'archivio.
Nel frattempo oggi è emersa una nuova clamorosa notizia, la cui attendibilità è però da prendere con le pinze. Secondo il sito allhiphop.com Dexter Isaac, che attualmente si trova in un carcere statunitense, avrebbe confessato di essere l'omicida del rapper su ordine del manager James Rosemond. Quest'ultimo ha però negato l'affermazione. Ai tempi era stato accusato Notorius B.I.G., avvalorando la causa di una faida tra crew.

 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi