Un settimanale tedesco: 'Ylenia Carrisi è viva e abita in Arizona'

Il giornalista Roberto Fiasconaro, dalle pagine del magazine tedesco Freizeit Revue, rilancia la tesi secondo la quale Ylenia Carrisi, la figlia primogenita di Al Bano (nella foto) e Romina Power scomparsa a New Orleans nel 1994, in realtà sia ancora viva: come riporta il Corriere della Sera, la donna - oggi quarantenne - risiederebbe presso un convento greco-ortodosso di Phoenix, il St. Anthony’s. Gwen Guggenheim, detective della squadra omicidi della polizia di New Orleans, avrebbe avvalorato la tesi, senza però rilevare ulteriori dettagli per non infrangere il segreto istruttorio. Al momento, tuttavia, le autorità non avrebbero modo di controllare se effettivamente Ylenia sia ospite della struttura: non avendo la figlia dei celebri cantanti commesso alcun reato, le autorità non hanno modo di costringere i responsabili della confraternita a rivelare l'identità - che secondo la legge può essere tenuta riservata - dei proprio ospiti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.