In 10.000 ad Algeri per il primo concerto di Khaled in patria dopo 14 anni

Dopo 14 anni di assenza, Khaled è tornato a suonare ad Algeri davanti al suo pubblico. In diecimila lo hanno accolto festosamente la sera del 14 novembre in un centro sportivo della capitale algerina praticamente blindata per ragioni di sicurezza. Khaled, principale esponente del rai moderno, non è ben visto dai fondamentalisti islamici, che lo hanno già in passato minacciato di morte. Ora Khaled vive in Francia ed è una star della musica internazionale, ma l'unica volta che ha potuto tornare in patria è stata l'anno scorso, quando si è presentato davanti al tribunale di Algeri per difendersi da un'accusa di plagio. L'incasso della serata del 14 novembre (due ore di concerto con un pubblico di giovani in delirio) è stato devoluto dal cantante alla Federazione algerina dei diabetici, in occasione della giornata mondiale del diabetico.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.