Rapporto Onu: la disconnessione temporanea da Internet lede i diritti umani

Le norme antipirateria che prevedono, in casi estremi, il blocco temporaneo dell’accesso a Internet nei riguardi di chi viola ripetutamente i copyright implicano una violazione dei diritti umani. Lo sostiene un rapporto presentato in questi giorni allo Human Rights Council delle Nazioni Unite: secondo il relatore speciale Frank La Rue,  questo genere di sanzioni risulta sproporzionato alla violazione commessa e lede le libertà fondamentali dell’individuo violando esplicitamente l’articolo 19, paragrafo 3, della Convenzione Internazionale sui diritti civili e politici. La sua raccomandazione, pertanto, è quella di eliminarle dagli ordinamenti che le hanno già adottate (come la legge francese Hadopi) o che ne prevedono l’eventuale implementazione (come il Digital Economy Act britannico). Preoccupazioni analoghe relative alla legittimità dei cosiddetti sistemi di risposta “graduale” alla pirateria, che prevedono due avvertimenti per iscritto seguiti dalla sospensione temporanea del servizio Internet a carico dei trasgressori recidivi, erano già state espresse in sede europea, anche se ultimamente la Commissione Europea aveva espresso parere favorevole alle azioni intraprese dai singoli stati membri.  

    Le norme antipirateria che prevedono, in casi estremi, il blocco temporaneo dell’accesso a Internet nei riguardi di chi viola ripetutamente i copyright implicano una violazione dei diritti umani. Lo sostiene un rapporto presentato in questi giorni allo Human Rights Council delle Nazioni Unite: secondo il relatore speciale Frank La Rue,  questo genere di sanzioni risulta sproporzionato alla violazione commessa e lede le libertà fondamentali dell’individuo violando esplicitamente l’articolo 19, paragrafo 3, della Convenzione Internazionale sui diritti civili e politici. La sua raccomandazione, pertanto, è quella di eliminarle dagli ordinamenti che le hanno già adottate (come la legge francese Hadopi) o che ne prevedono l’eventuale implementazione (come il Digital Economy Act britannico). Preoccupazioni analoghe relative alla legittimità dei cosiddetti sistemi di risposta “graduale” alla pirateria, che prevedono due avvertimenti per iscritto seguiti dalla sospensione temporanea del servizio Internet a carico dei trasgressori recidivi, erano già state espresse in sede europea, anche se ultimamente la Commissione Europea aveva espresso parere favorevole alle azioni intraprese dai singoli stati membri.  

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.