UK, verso restrizioni di orario per i video sexy

UK, verso restrizioni di orario per i video sexy

In Gran Bretagna una inchiesta indipendente, commissionata dal premier David Cameron ed i cui risultati saranno resi noti nella giornata odierna, molto probabilmente chiederà che i video dai contenuti ritenuti inadatti ai più giovani siano mandati in onda in orari più appropriati.

Quindi, evidentemente, più tardi. Il report chiederà inoltre che sia reso più facile per i genitori poter protestare nei confronti di prodotti "eccessivamente sessualizzati", come ad esempio alcuni capi di abbigliamento, che abbiano come target i più giovani. L'inchiesta è stata commissionata in risposta alla preoccupazione, espressa da parte di associazioni di genitori, che i ragazzi siano sotto una pressione sempre maggiore affinché diventino consumatori; si teme poi che il mondo dei ragazzi sia "più sessualizzato" rispetto a quello in cui crebbero i loro odierni padri e madri. Ci si attende che l'inchiesta porti ad esempio alcuni video di .Rihanna e Lady Gaga, e quasi sicuramente almeno uno di Lily Allen (per il suo video "Not fair" clicca qui) in quanto Cameron lo scorso anno rivelò d'aver proibito a sua figlia Nancy di 6 anni l'ascolto di brani della cantante londinese per i riferimenti sessuali troppo espliciti per una persona così giovane. Si ritiene che le autorità diano diciotto mesi di tempo al commercio, alle industrie di produzione di video e al mondo della pubblicità per "ripulire" i contenuti; qualora ciò non dovesse avvenire, essi andrebbero incontro a "regolamentazioni governative più severe". Il primo
ministro Cameron, 44 anni, conservatore, è in carica dall'11 maggio 2010 ed è il premier britannico più giovane degli ultimi 198 anni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.