UK, l'ad della società degli autori bacchetta Amazon e Google

Come uscire dalle secche della recessione strutturale del mercato, che anche quest’anno condiziona pesantemente gli incassi degli operatori del music business? Robert Ashcroft, amministratore delegato della britannica PRS for Music (agenzia di raccolta diritti per conto di autori ed editori equivalente alla SIAE), resta malgrado tutto ottimista, e indica come ricetta anticrisi  una strategia articolata in tre punti. Il primo dei quali, ha spiegato nella sua relazione annuale agli associati tenuta al Millbank Media Centre di Londra, riguarda lo sviluppo delle partnership con altri enti di collecting: sia a livello locale (dove è allo studio un’ipotesi di collaborazione con l’agenzia dei produttori fonografici PPL, analoga alla SCF: da questo punto di vista, l’Italia è più avanti)   sia sul piano internazionale (l’esempio già operativo è quello dell’ICE, International Copyright Enterprise creato con la STIM svedese al fine di semplificare e rendere più efficienti i processi attraverso la messa in comune di database  e servizi di “back office”). Il secondo aspetto concerne l’incremento delle attività di raccolta di royalty all’estero,  soprattutto sui mercati emergenti come Brasile, Russia, India e Cina (nel 2010 i ricavi internazionali di PRS sono cresciuti solo dell’1,7 % , a 169, 8 milioni di sterline). E il terzo fronte è ovviamente quello del business digitale, dove le entrate degli autori ed editori inglesi sono aumentate del 4,3 % a  26,5 milioni di sterline. “Dobbiamo raddoppiare gli sforzi”, ha detto Aschcroft approfittandone  per stigmatizzare il comportamento di Amazon e Google, che negli Stati Uniti hanno lanciato servizi di digital locker/music cloud senza firmare accordi con editori musicali e case discografiche (“in base alla legge inglese”, sostiene l’ad di PRS, “qui da noi avranno bisogno di una licenza”). E sul colosso dei motori di ricerca l’ad di PRS ha avuto da ridire anche a proposito dell’atteggiamento adottato nei confronti dei siti pirata. “Se Google e gli altri volessero”, è la sua opinione, “potrebbero fare molte cose per migliorare le condizioni per il copyright senza violare il principio della neutralità di Internet”. 

    Come uscire dalle secche della recessione strutturale del mercato, che anche quest’anno condiziona pesantemente gli incassi degli operatori del music business? Robert Ashcroft, amministratore delegato della britannica PRS for Music (agenzia di raccolta diritti per conto di autori ed editori equivalente alla SIAE), resta malgrado tutto ottimista, e indica come ricetta anticrisi  una strategia articolata in tre punti. Il primo dei quali, ha spiegato nella sua relazione annuale agli associati tenuta al Millbank Media Centre di Londra, riguarda lo sviluppo delle partnership con altri enti di collecting: sia a livello locale (dove è allo studio un’ipotesi di collaborazione con l’agenzia dei produttori fonografici PPL, analoga alla SCF: da questo punto di vista, l’Italia è più avanti)   sia sul piano internazionale (l’esempio già operativo è quello dell’ICE, International Copyright Enterprise creato con la STIM svedese al fine di semplificare e rendere più efficienti i processi attraverso la messa in comune di database  e servizi di “back office”). Il secondo aspetto concerne l’incremento delle attività di raccolta di royalty all’estero,  soprattutto sui mercati emergenti come Brasile, Russia, India e Cina (nel 2010 i ricavi internazionali di PRS sono cresciuti solo dell’1,7 % , a 169, 8 milioni di sterline). E il terzo fronte è ovviamente quello del business digitale, dove le entrate degli autori ed editori inglesi sono aumentate del 4,3 % a  26,5 milioni di sterline. “Dobbiamo raddoppiare gli sforzi”, ha detto Aschcroft approfittandone  per stigmatizzare il comportamento di Amazon e Google, che negli Stati Uniti hanno lanciato servizi di digital locker/music cloud senza firmare accordi con editori musicali e case discografiche (“in base alla legge inglese”, sostiene l’ad di PRS, “qui da noi avranno bisogno di una licenza”). E sul colosso dei motori di ricerca l’ad di PRS ha avuto da ridire anche a proposito dell’atteggiamento adottato nei confronti dei siti pirata. “Se Google e gli altri volessero”, è la sua opinione, “potrebbero fare molte cose per migliorare le condizioni per il copyright senza violare il principio della neutralità di Internet”. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.