Per contratto (ma non solo) il 'Best of' di Matthew Sweet

Matthew Sweet ha rivelato che il suo ultimo album, l’appena pubblicato “Time capsule: the best of Matthew Sweet 1990-2000”, era iniziato sotto i peggiori auspici: un obbligo, ovviamente da rispettare, del contratto prima della sua scadenza. Ma poi, poco a poco, si è appassionato al lavoro. “E’ da tanto che non sentivo i miei primi dischi. Per questa compilation ho preferito andare a pescare cose meno evidenti, magari un po’ più ‘serie’, come ad esempio ‘Until you break’. E così alla fine ho scritto anche due pezzi nuovi”. I due inediti sono intitolati “Ready” e “So far”, diciotto in tutto i brani presenti sulla compilation. Sweet è attualmente senza contratto, ma non pare molto preoccupato. “Non c’è problema, andrò a bussare ad un po’ di porte tra qualche mese”, ha detto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.