Wind Music Awards 2011: "Diamo premi per avere 10 ore di musica in TV"

Wind Music Awards 2011: "Diamo premi per avere 10 ore di musica in TV"

Cinque anni e non sentirli, anzi. Nel panorama dell’industria musicale italiana - che storicamente fa fatica ad organizzare eventi celebrativi longevi - un lustro è un risultato considerevole. Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione dei Wind Music Awards 2011 - in svolgimento questa sera e domani sera all’Arena di Verona, in TV su Italia 1 il 7, 14 e 21 giugno . E, nell'incontro con la stampa, non si è riflettuto soltanto ai risultati fin qui acquisiti, ma si guarda avanti, a come espandere questa manifestazione che è di fatto la rassegna estiva musical-televisiva più importante del panorama nazionale.

Nella conferenza stampa, però, l’accento è stato messo sulla parola “musica”, più che sulla dimensione televisiva. Tutti i presenti al tavolo hanno sottolineato la predominanza della musica, a partire dal sovrintentendente all’Arena Girondini (“Il ritorno in città per il terzo anno dei WMA confemano che Verona non è solo più la capitale della lirica, ma anche della musica pop”), per passare ad Alessandro Saba (responsabile delle produziononi Italia 1): “Da quando i WMA sono iniziati 5 anni fa la televisione è molto cambiata, è molto più frammentata. Per una rete generalista come noi gli eventi sono importantissimi, e i WMA sono diventati l’evento musicale più importante sicuramente per noi, uno dei più importanti di tutta la televisione italiana”.
Ferdinando Salzano, amministratore delegato di F&P Group che produce l’evento assieme ad Arena Extra, ha voluto spiegare il meccanismo che prevede che corso delle due serate di gala verrano premiati gli artisti che hanno pubblicato e venduto nell’arco di tempo compreso tra maggio 2010 e maggio 2011 oltre 120 mila copie (multi platino), 60 mila copie (platino) o 30.000 copie (oro) dei loro dischi in Italia, oltre ad altri riconoscimenti sempre dedicati ai più grandi artisti nazionali, ovvero il “Digital Songs”, che verrà assegnato ai brani che hanno avuto oltre 60.000 download (multi platino) e 30.000 download (platino): “I premi sono un pretesto per lo spettacolo, per fare 10 ore solo di musica in TV. Tutto il resto sono quello che noi chiamiamo ‘orpelli televisivi. Sono un po’ preoccupato", ha scherzato", "perché il numero delle camere d’albergo che occupiamo aumenta ogni anno: siamo a 400”.
 I numeri della manifestazione, sono aumentati considerevolmente con il tempo: quest’anno, tra premiati e premiatori saranno presenti 100 artisti (50 quelli che si esibiranno), 80 canzoni e 200 tecnici. Parole importanti anche nei confronti dello sponsor Wind, presente con il direttore Business Unit Mobile Maximo Ibarriasia da parte di Salzano (“Per uno come me, che opera nel mondo della musica, è importante avere trovato partner come Wind e Italia 1 ci permette di premiare la musica), che da parte di GianMarco Mazzi, presente come rappresentante di Arena Extra: “A volte il mondo della musica storce un po’ il naso di fronte ad accostamenti con marchi, ma in futuro ci sarà sempre più bisogno di aziende come Wind, che fa una vera e propria opera di mecenatismo. Aziende come Wind vanno non solo ringraziate ma davvero sostenute”.
La città di Verona, che per la terza volta consecutiva ospita la manifestazione, tra stasera e domani assegnerà sei premi Negramaro, Zucchero, Maria DeFilippi (secondo Mazzi, “il 99% della conoscenza della musica attuale è dovuta ai talent”), Fiorella Mannoia, Giorgio Panariello. Mentre premi speciali verranno attribuiti dalle associazioni di categoria: “Non vengono premiati delle vendite, ma dei progetti. E’ importante che in 10 ore di musica si dia spazio a dai progetti in cui la discografia sta investendo”, spiega Salzano.
Proprio lo spazio dato agli artisti giovani diventa uno dei due argomenti di discussione a margine della conferenza stampa nelle domande a cui si arriva terminato il giro di dichiarazioni (in cui si sono sentiti anche i conduttori, Vanessa Incontrada e Teo Mammuccari, che ha esordito ringraziando nomi inesistenti, con qualche giornalista che annuiva convinto).
“Nella intenzioni di Wind c’è sicuramente la volontà di estendere questa formula, anche se ovviamente ci sono questioni di budget e di tempi da discutere. Ne stiamo parlando, la creatività non ci manca". Gli fa eco Salzano: “Il mio sogno sarebbe quello di avere una o due puntate in più, magari a settembre, dedicate al lancio della musica nuova, non solo alla premiazione di quella dell’anno passato”. Saba di Italia1 spiega però, che dal punto di vista televisivo, andrebbe cambiata la formula: “Le tre puntate saranno un patchwork delle due serate. Se faremo un contest di giovani, dovremo passare ad una produzione più lineare”. Insomma, le intenzioni di espansione ed estensione ci sono, andranno discusse ed eventualmente inserite in una formula che rispetti sia il meccanismo della premiazione che, eventualmente, quello televisivo di una gara di giovani proposte.
Altro tema di discussione è il rapporto con il Festivalbar, marchio storico della musica televisiva estiva, la cui ultima edizione è del 2007. “A me fa piacere che i WMA vengano associati al Festivalbar, perché vuol dire che siamo vicini ai nostri clienti”, spiega Ibarria. “E’ un peccato che non ci sia”, aggiunge Salzano. “E’ un percorso diverso, quello percorso dai WMA e dal Festivalbar: noi partiamo da un altro punto di vista. Credo che ci sia spazio per entrambi, spero che il Festivalbar o un programma analogo torni, perché gli spazi per la musica in televisione sono pochi.”.
L’unica vera preoccupazione che emerge in conferenza stampa sembra meterologica: “Speriamo nel tempo”, dice Salzano, pensando ai nuvoloni su Verona, che nel pomeriggio hanno rilasciato qualche scarica di pioggia. “Se arriverà, siamo pronti ad accoglierla. Alcuni artisti hanno dato la disponibilità a fermarsi domani sera, ma comunque entro domani dobbiamo portare a casa il risultato”.

Questa sera saliranno sul palco, tempo permettendo, Giovanni Allevi, Biagio Antonacci, Stefano Bollani, Marco Carta, Carmen Consoli, Cesare Cremonini, Gigi D’Alessio, Due di Picche, Elisa, Fabri Fibra, Raphael Gualazzi, Il Volo, Ligabue, Fiorella Mannoia, Marco Mengoni, Modà, Simona Molinari, Negramaro, Noemi, Nomadi, Virginio, Roberto Vecchioni, Renato Zero, Zero Assoluto, Nina Zilli, Zucchero e Beady Eye.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.