I piani di Bertelsmann: Napster quotata in borsa

Napster diventerà una “public company” quotata in borsa? Questo è almeno il disegno strategico rivelato da una fonte del gruppo tedesco Bertelsmann, che la scorsa settimana ha siglato un accordo di collaborazione con la più celebre e temuta delle imprese musicali che operano sul Web (vedi news). I portavoce di Bertelsmann ammettono che l’ipotesi di una quotazione si verificherà solo nel “migliore scenario possibile”, tenendo conto che la società californiana deve ancora difendersi in giudizio dall’accusa di violare i copyright delle case discografiche e di incoraggiare la pirateria con il suo software che permette lo scambio on-line di file musicali tra gli utenti di Internet.
Nei giorni scorsi, intanto, la stessa Bertelsmann ha confermato le anticipazioni secondo cui dal sito di Napster non scomparirà del tutto la musica gratuita, anche se si tratterà probabilmente di piccoli campioni audio o di brani selezionati diffusi a scopo promozionale. Come già annunciato, nei piani del gigante tedesco Napster dovrebbe diventare un servizio a pagamento (in abbonamento), che raccoglierà denaro anche per mezzo di inserzioni pubblicitarie. Nei giorni scorsi, stando ad alcune indiscrezioni, il numero uno del gruppo Thomas Middelhoff si sarebbe incontrato con i vertici di diverse società leader nel settore dei media, ricevendo risposte incoraggianti riguardo all’ipotesi di possibili collaborazioni future; mentre anche l’associazione degli autori e compositori statunitensi ASCAP ha ribadito di essere pronta a licenziare l’uso del proprio repertorio al sito californiano. Più ostile resta l’atteggiamento delle case discografiche concorrenti, alcune delle quali (vedi news) sembrano avere intenzione di continuare la loro battaglia legale neo confronti di Napster.
Music Biz Cafe Summer: radio e TV verso il futuro
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.