MP3.com vende musica ai supermercati alimentari

E’ un periodo di attività frenetica per Michael Robertson, fondatore e presidente di MP3.com: impegnato nella spasmodica ricerca di opportunità di guadagno che possano coprire gli altissimi costi legati al pagamento dei diritti all’industria discografica e editoriale (vedi news), il businessman americano ha annunciato di avere chiuso due accordi in base ai quali fornirà musiche di sottofondo a due grosse catene ortofrutticole americane, Harvey Supermarkets e Laneco Supermarkets: l’obiettivo di Robertson è quello di introdursi nel lucrativo settore della diffusione di musica a ristoranti e negozi al dettaglio, un business valutato intorno ai 500 milioni di dollari.
Gli ultimi dati di bilancio trimestrali di MP3.com riportano un incremento del 405 % delle entrate (20,5 milioni di dollari) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con una riduzione di un terzo del deficit di gestione (6,1 milioni di dollari), meglio di quanto pronosticato dagli analisti finanziari.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.