Londra: gli analisti finanziari prevedono tempi duri per le web company video-musicali

Londra: gli analisti finanziari prevedono tempi duri per le web company video-musicali
Per le imprese video-musicali che intendono investire sul Web si preparano forse periodi di vacche magre: i banchieri e le imprese di venture capital sembrano intenzionati a chiudere i cordoni della borsa e a bloccare i finanziamenti alle aziende che vogliono sviluppare progetti nei settori emergenti dei media digitali. La previsione, ripresa dall’agenzia Reuters, proviene da alcuni quotati analisti finanziari londinesi: “Chiunque produca contenuti originali farebbe bene a chiudere bottega e tornare fra tre anni, a meno che non sia coinvolto nell’industria dell’intrattenimento per adulti”, ha dichiarato senza tanti giri di parole Hans Stander, managing director del gruppo di venture capital ETF. E gli stessi operatori ammettono che tutte le aziende del settore Internet media sono afflitte attualmente da costi crescenti e incassi ridotti, per non parlare dei disastrosi risultati di Borsa di questi ultimi giorni: la sola RealNetworks, leader del settore, ha visto crollare i prezzi delle sue azioni da 96 a 25 dollari nel giro di soli nove mesi. Come fa osservare la stessa Reuters, il dato è in netto contrasto con le tendenze dei mercati on-line, dove il 60 % dei siti Web “consumer” offrono oggi contenuti audio e video, il 30 % in più rispetto allo scorso anno, mentre il 23 % degli utenti “attivi” di Internet usa correntemente sistemi come Napster per scambiarsi brani musicali in rete. Ma gli esperti finanziari restano della loro idea: come ribadisce un analista della Goldman Sachs, “nessuno riceverà finanziamenti finché non si troverà un modo di fare soldi con la musica e i video su Internet”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.