Piccola rivoluzione al Roma Jazz Festival: comprare i biglietti in prevendita costa di meno

Piccola rivoluzione al Roma Jazz Festival: comprare i biglietti in prevendita costa di meno
Compri in prevendita il biglietto del concerto, e paghi il 20% in meno: a lanciare l’iniziativa, decisamente controcorrente rispetto alla pratica comune che prevede una maggiorazione di prezzo variabile dalle 2 alle 5.000 lire quando si acquista in anticipo il tagliando, è il promoter Mario Ciampà, organizzatore del Roma Jazz Festival in programma nella capitale dal 21 ottobre al 23 novembre prossimi (vedi news). Interpellato da Rockol, Ciampà spiega di essersi ispirato ai sistemi di vendita normalmente in uso in paesi come Germania, Olanda e soprattutto Stati Uniti, dove chi acquista in prevendita i biglietti per assistere ai concerti gode talvolta di sconti fino al 50 %. Ma perché in Italia questo non succede? “Per puri motivi di malcostume e di ingordigia degli organizzatori, che vogliono guadagnarci il più possibile”, risponde Ciampà, il quale ammette però che la soluzione è praticabile assai più facilmente in un mercato di nicchia come il jazz, dove i volumi di denaro in gioco sono molto più ridotti e le problematiche meno complesse, di quanto non sia nell’allestimento di un grande concerto pop. Nel caso dei biglietti relativi al Roma Jazz Festival, disponibili presso rivendite on-line o dislocate nell’area romana, il ricarico dell’agenzia di intermediazione è inglobato nel prezzo nominale: il che porta, appunto, a un risparmio del 20 % per l’acquirente. Secondo Ciampà si tratta di un atto dovuto nei confronti del pubblico, ma che può anche tradursi in un vantaggio per lo stesso impresario: “E’ giusto che chi investe preventivamente del denaro nell’acquisto di un biglietto venga premiato, piuttosto che punito, da chi organizza l’evento. E per quest’ultimo stimolare il pubblico a muoversi in anticipo significa anche poter contare su un’affluenza più sicura al concerto, e non soggetta ai rischi e agli imprevisti dell’ultimo momento. Speriamo che questa nostra iniziativa inviti anche qualcun altro a riflettere sulla questione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.