Musica inglese in crisi. Robbie Williams e Boy George: 'Troppe porcherie'

Musica inglese in crisi. Robbie Williams e Boy George: 'Troppe porcherie'
Un recente studio dei discografici americani ha confermato quello che da qualche anno è piuttosto noto a tutti gli addetti ai lavori, ovvero che la musica inglese attuale non ha alcun fascino sui giovani americani. L’ultimo n.1 è stato dei Prodigy, nel 1997. Negli ultimi mesi, la percentuale di artisti britannici presenti nelle charts d’oltreoceano si è attestata su un misero 0,2%. Durante gli anni ’80 nelle classifiche Usa la percentuale era del 32% grazie ai successi di Dire Straits, Frankie Goes To Hollywood, Police, Duran Duran e Culture Club. Il leader di questi ultimi, Boy George, ha commentato: “Gli stiamo mandando porcherie. Laggiù hanno già le loro: perché dovrebbero aver bisogno delle nostre?".
Robbie Williams ha invece dichiarato a MTV America: “Le classifiche inglesi sono… Beh, sono abbastanza spaventose. In effetti è difficile per me commentare lo stato delle charts britanniche, perché ci sono dentro… Ma qualche giorno fa insieme al mio coautore, Guy Chambers, stavo dicendo che la musica migliore oggi viene dall’America. A me piace venire in America, anche se non credo che un tour qui farà del bene al mio conto corrente. Voglio tentare di avere successo qui perché la gente dice che non ci riuscirò. Quanto all’Inghilterra, dovrebbero baciarmi il c…”. Proprio in questi giorni l’Inghilterra avrà la possibilità di farlo (o non farlo), visto che il tour britannico di Robbie è partito il 9 ottobre da Birmingham.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.