EMI-Warner: possibile un dietrofront della Commissione Europea

Forse la Commissione Europea ci sta ripensando: la proposta dell’ultima ora avanzata da Warner Music ed EMI, disposte a fare a meno rispettivamente di Chappell Music (edizioni musicali) e Virgin Records (casa discografica, vedi news), sta riaprendo le porte a una fusione che sembrava destinata a cozzare contro il muro del no opposto dalle autorità antitrust. L’entità dell’ultima offerta messa sul piatto dalle due major musicali sembra avere colto di sopresa, oltre che favorevolmente impressionato, i funzionari dell’authority e dell’organismo comunitario: con la fuoriuscita dal gruppo di Virgin e Chappell, si creerebbero i presupposti per la nascita di quel nuovo concorrente sul mercato musicale richiesto dalle autorità europee come condizione indispensabile per concedere il via libera al “merger” (e i potenziali acquirenti disposti a farsi avanti non sembrano mancare…). I vertici della Commissione hanno convocato per giovedì 5 ottobre una riunione del comitato consultivo sulle fusioni e concentrazioni con il compito di esaminare a fondo la questione: e alcune fonti vicine alle autorità di Bruxelles osservano che si tratta di un evento straordinario, probabile preludio a un nuovo capovolgimento di fronte negli orientamenti dell’Unione Europea. Opinione condivisa, del resto, anche da coloro che hanno finora osteggiato la fusione Warner-EMI con tutte le forze: tra questi il segretario generale dell’associazione indipendente Impala, Philippe Kern, il quale ha ammesso che con la vendita di Virgin EMI ridurrebbe sostanzialmente la sua quota di mercato e che in quel caso la sua organizzazione non avrebbe più nulla da obiettare all’operazione.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.