'Perepepé', uno sberleffo alla musica da Gene Gnocchi

'Perepepé', uno sberleffo alla musica da Gene Gnocchi

Su Raidue giovedì 5 ottobre alle 23.00 parte "Perepepé". Ovvero come dissacrare la musica rock, firmato Gene Gnocchi. Gli elementi ci sono tutti: grafica sixties, stile da magazine d'attualità e Michigan Pellacani (Gnocchi stesso ovviamente), un conduttore a metà tra Nick Kershaw e Limahal…
Attualità e musica dal vivo per un programma che, secondo quanto ha affermato il comico nella conferenza stampa di presentazione tenutasi oggi 3 ottobre a Milano, "ho fatto solo per portare i gruppi che piacciono a me e dare uno spazio in TV a musicisti che altrimenti non apparirebbero mai. Dei grossi nomi della classifica non ce ne frega niente".
Non c'è che dire, gli artisti scelti come ospiti -rigorosamente dal vivo - parlano da soli: Elliot Murphy, Teddy Thompson. Andy White, COD, Eric Andersen per le prime cinque puntate. Coldplay, Cotton Mather, Robert Gordon in predicato per le successive. Al rocker Elliot Murphy, notariamente amico del Boss, Pellacani-Gnocchi chiede "Ma perché tutti i dischi di Springsteen dopo 'The river' fanno cagare?". E via di questo passo, sbeffeggiando, solo nella prima puntata, Peter Gabriel, Alanis Morissette, Michael Jackson e i fratelli Gallagher (ospite la madre Nunzia Gallagher, che non fa che ripetere che i "Com'erano da bambini? str…!"…).
Scritto insieme a Francesco Freyrie e Massimiano Bucchi, con la regia di Egidio Romio, prodotto dalla Trident Agency, il programma prevede 52 puntate e, secondo i responsabili di rete, nessun obiettivo di ascolto minimo. Riuscirà il seriossimo ambiente musicale a prendersi in giro e accettare gli sberleffi? La scommessa è aperta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.