Il ritorno di Midge Ure: sintetizzatori e intimismo

Il ritorno di Midge Ure: sintetizzatori e intimismo
Protagonista con gli Ultravox dell’ondata new romantic/ elettro-pop dei primi anni Ottanta, al fianco di Bob Geldof nel progetto “Band Aid” del 1984, Midge Ure è tornato nelle classifiche due anni fa con il brano “Breathe”; all’epoca la canzone era vecchia di due anni ed era passata inosservato come l’uscita dell’album che portava il suo nome; venne poi portata alla gloria delle chart da uno spot pubblicitario, quello degli orologi Swatch, che ne fecero un successo.
Oggi, Midge Ure torna con un nuovo disco, “Move me”, in cui confessa di avere messo parecchio di se stesso, come mai prima d’ora: “Il fatto è che questa volta sono anche produttore del disco: avevo la responsabilità di tutto, che da un lato è un problema perché non c’è nessuno che ti dice cosa fare, ma dall’altro mi ha permesso di sperimentare. Ho ritirato fuori i sintetizzatori, ho usato di più le chitarre, ho usato anche la tecnologia, per cercare suoni diversi da quelli che ho sempre fatto”.
Le atmosfere di “Move me” sono in realtà quelle a cui Midge Ure ci ha da sempre abituato: romantiche, di respiro melodico, di un pop che vuole evocare paesaggi interiori, che vuole essere intimo. I testi, infatti, sono l’altra componente importante della musica di Midge Ure: “Impiego parecchio tempo a scrivere le canzoni. Il fatto è che per me scrivere è come una terapia, è fare i conti con i fantasmi che si agitano nella mia testa o al contrario con quello che mi rende davvero felice. Per questo spesso la gente si riconosce in quello che canto, perché racconto di emozioni”. Da “You move me” (“Sono tante le cose che mi ‘commuovono’, un buon libro, un film. Ma ora come ora sono le mie quattro figlie che movimentano di più la mia vita”) a “Beneath a Spielberg sky” (“E’ quel cielo ‘epico’, con i raggi di sole che squarciano le nuvole”) a “Strong” (“E’ una canzone sulla debolezza, quella degli uomini rispetto alle donne quando si parla di sentimenti”) a “The refugee song” (“L’ho scritta dopo aver incontrato una bambina kosovara, pensando al dramma di queste famiglie disperse che quando si ritroveranno non parleranno più nemmeno la stessa lingua”) Midge Ure si racconta negli undici brani di questo disco con semplicità e schiettezza.
E all’inevitabile domanda sul proprio passato da stella del pop anni Ottanta, Midge risponde: “Ho dei ricordi bellissimi di quel periodo, non rimpiango nulla, perché quello che sono oggi è legato a quello che sono stato allora. Ma di sicuro c’è che non potrei tornare indietro. Insomma, a quanti pensano sia possibile un ritorno degli Ultravox rispondo di no. Queste cose si fanno solo per tirare su un po’ di soldi. Io sono assolutamente contento di quello che faccio ora, della mia musica adesso. E non ho nessuna voglia di revival”.
Dall'archivio di Rockol - "Breathe" (#NoFilter)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.