I Beatles mordono la Apple Computers

I Beatles mordono la Apple Computers
Paul McCartney, George Harrison, Ringo Starr e Yoko Ono hanno vinto una lunga battaglia legale con la Apple Computers, la multinazionale che porta lo stesso nome della non molto fortunata casa discografica fondata dai Beatles nel 1968. Un tribunale della California ha stabilito che il gigante dell'elettronica dovrà pagare oltre 26 milioni di dollari (50 miliardi di lire) al disciolto gruppo di Liverpool. E' dalla fondazione della "seconda" Apple, nel 1977, che questa litiga con i Beatles sull'utilizzo del nome. Nel 1981 era stato raggiunto un accordo che ne consentiva l'utilizzo sino a quando l'etichetta sarebbe rimasta fuori dal mercato discografico. Ma proprio la crescente popolarità dei computer Apple tra musicisti e il loro utilizzo a fini musicali ha indotto i proprietari della Apple Corporation (cioè i Beatles più Yoko Ono) a fare di nuovo causa. Comunque, è già stato annunciato un ricorso in appello.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
BEATLES
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.