I siti musicali incrementano traffico e pubblicità: il merito è di Napster

A poche ore dal verdetto finale su Napster (atteso per oggi, lunedì 2 ottobre), i risultati di una ricerca effettuata dall’agenzia AdRelevance di Jupiter Media Metrix rivelano che il clamore suscitato dalla battaglia legale tra il più celebre dei siti di “file sharing” e le case discografiche (vedi news) ha finito per tirare la volata alle numerose aziende che operano nel settore emergente del downloading e dello streaming musicale su internet. Secondo lo studio, il caso Napster, da fine luglio al centro dell’attenzione dei media di tutto il mondo, è la causa principale del forte incremento di traffico e di introiti pubblicitari registrato negli ultimi mesi dai siti che permettono di scaricare brani musicali sotto forma di file nonché di vedere filmati e ascoltare musica online. L’indagine rivela che nella settimana successiva alla sentenza contro Napster del 26 luglio scorso (vedi news), sui siti musicali presenti sul web si è misurato globalmente un incremento di affluenza del 22 per cento. Nello stesso periodo grandi società come MSN di Microsoft e Nullsoft di America Online hanno aumentato del 100 % l’acquisto di spazi pubblicitari sui siti stessi. Nelle sei settimane successive alla sentenza, cinque società hanno investito una cifra superiore al milione di dollari in pubblicità su siti web di contenuto musicale: la sola MSN ha speso oltre 2 milioni di dollari per lanciare il suo nuovo media player. Sembra valere, insomma, la vecchia regola: bene o male che sia, l’importante è che dei rapporti tra musica e internet si continui a parlare.
Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.