Sorpresa: passa al Senato la legge sulla musica

Della cosiddetta “legge sulla musica”, destinata a disciplinare in tutti i suoi aspetti le attività musicali in Italia, si erano perse da tempo le tracce, tanto che molti consideravano il progetto di legge irrimediabilmente perso nei meandri di Montecitorio e Palazzo Madama. Poi, inattesa,la svolta: il testo, presentato per la prima volta in Parlamento nel lontano luglio 1997 da Walter Veltroni (ai tempi ministro della Cultura del governo Prodi), ha avuto il via libera definitivo dal Senato, con il corredo di alcuni emendamenti, nella giornata di mercoledì 20 settembre. Positive, naturalmente, le reazioni dell’ambiente musicale: Enzo Mazza, direttore generale della Fimi, si dichiara soddisfatto dell’approvazione di “alcuni emendamenti da noi proposti, che introducono importanti principi in tema di promozione della musica italiana all’estero e di apertura di spazi radiotelevisivi destinati ad opere prime e artisti emergenti”. Mentre con un comunicato stampa diffuso in giornata Assomusica (organizzazione che riunisce oltre 100 produttori di musica dal vivo in Italia) dichiara per bocca del suo presidente Massimo Gramigni che “il Senato ha approvato una legge che dà dignità a tutta la musica e che supera gli steccati. La Camera dei Deputati entro la fine della legislatura ha il dovere di farla diventare legge dello Stato”. Speranza, quest’ultima, condivisa da tutti ma che potrebbe urtare contro lo scoglio delle prossime scadenze elettorali.
Music Biz Cafe Summer: le collecting e l'emergenza Covid
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.