Placebo: 'Abbiamo fatto un disco di rock, basta con la musica malinconica'.

Placebo: 'Abbiamo fatto un disco di rock, basta con la musica malinconica'.
Il 6 ottobre esce “Black Market Music”, il terzo disco della band che nel 1998 si è fatta conoscere con “Pure morning” e con il malinconico album “Without you I’m nothing”. Ma Brian Molko e soci hanno detto basta alla malinconia. “Volevamo fare un disco di fottuto rock”, ha raccontato il cantante dei Placebo, intervistato da RockOL nei giorni scorsi a Milano insieme ai colleghi Stefan Olsdal e Steve Hewitt. Non ha tutti i torti a fare un'affermazione così drastica: tra chitarre roboanti e la caratteristica voce nasale di Molko, il disco porta il discorso iniziato da “Without you I’m nothing” in una direzione decisamente più aggressiva. “Il nostro primo singolo ‘Taste in men’ è volutamente fuorviante. E’ stata una decisione collettiva per confondere tutti, soprattutto la stampa inglese”, ha spiegato Hewitt. “Volevamo che pensassero ‘oh, gli Smashing Pumpkins’. Cosa che ovviamente non è vero, perché la canzone è molto diversa da tutto il resto del disco. Ma c’è una cosa di cui eravamo certi: volevamo essere più duri e diretti. Per questo ci siamo prodotti da soli”. Nell’intervista completa di RockOL, che verrà pubblicata ai primi di ottobre, i Placebo raccontano la lavorazione del nuovo disco, la strana collaborazione con David Bowie, la deludente partecipazione al film “Velvet Goldmine” e i contrastati rapporti con la stampa inglese.
Il nuovo singolo del gruppo, “Slave to the wage”, esce il 26 settembre. Nel frattempo i Placebo hanno confermato una data italiana, l’8 novembre all’Alcatraz di Milano, con gli inglesi Idlewild come supporto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
14 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.