Chiude la fabbrica svedese degli hits

Non saranno leggendari come i Sun Studios di Memphis, il Capitol di Hollywood o i Fame di Muscle Shoals, tempio del Southern soul anni ‘60. Ma è innegabile il ruolo chiave che gli studi Cheiron di Stoccolma hanno giocato nella musica pop dell’ultimo decennio: una implacabile fabbrica di hits che ha sfornato successi a ripetizione per i più amati idoli dei teen agers (Britney Spears, Backstreet Boys, ‘N Sync, Westlife, 5ive), ma anche per pop star “adulte” come Bryan Adams e Celine Dion, desiderose di rinnovare suoni e immagine. Ma ora, a fine anno, la celebre “hit factory” svedese chiuderà i battenti. “Avevamo creato gli studi con l’intenzione di divertirci, di fare un paio di hits e di non prenderci troppo sul serio, ma oggi il gran parlare che si fa dei Cheiron supera le dimensioni della nostra impresa”, hanno spiegato con un comunicato stampa Tom Talomaa, che nel 1993 aprì gli studi insieme al compianto Denniz Pop (stroncato due anni fa da un cancro), e il mago dei suoni del “teen pop” del 2000, l’autore di canzoni e produttore Max Martin, che con lui gestisce oggi la struttura. D’ora in poi, l’attività dell’agguerritissimo team che ha rilanciato la Svezia al centro della scena pop europea (e che vanta nelle sue fila anche altri nomi assai noti agli addetti ai lavori come Rami e Kristian Lundin) si suddividerà in due o tre studi diversi dislocati in varie parti della nazione scandinava. E non perderà certo il lavoro: dopo avere curato i dischi in uscita di Backstreet Boys e Westlife, gli uomini della premiata fabbrica Cherion sono già stati arruolati per realizzare i prossimi dischi di ‘N Sync e Britney Spears, mentre un rinnovo del contratto editoriale e di produzione con il gruppo Zomba è dato per certo.
Dall'archivio di Rockol - I migliori album tributo del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.