Chris Brown (ex Rihanna) di nuovo violento, caos in TV

Chris Brown (ex Rihanna) di nuovo violento, caos in TV

Chris Brown, il cantante che colpì selvaggiamente Rihanna nel febbraio 2009, ha avuto un nuovo accesso d'ira. Secondo varie fonti, l'episodio -che presenta ancora qualche risvolto non del tutto chiaro- è accaduto questa mattina durante il programma televisivo statunitense "Good morning America" su ABC. Innervosito dalle domande di Robin Roberts sulla sua ex fidanzata, Brown avrebbe sfasciato una finestra e si sarebbe precipitato in Times Square, New York, a dorso nudo. Pezzi di vetro della finestra, che sarebbe stata rotta con una sedia, sono caduti sul marciapiede della 43rd Street. Secondo le primissime indiscrezioni il cantante sarebbe stato arrestato, ma successive correzioni hanno chiarito che il NYPD non è intervenuto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.