E' così brutta che piace, è 'la peggior canzone di sempre'

E' così brutta che piace, è 'la peggior canzone di sempre'

Attrazione fatale, più o meno come in autostrada quando c'è un incidente e tutti si fermano a guardare anche se non si dovrebbe, spirito d'emulazione o semplice curiosità? Cosa stia spingendo tante persone a cliccare su "Friday", definita "la peggior canzone pop di tutti i tempi", è lavoro forse più da semiologo o da filologo che da comune giornalista. In breve. Il video di "Friday" di Rebecca Black, nel cui testo brilla il passaggio "domani è sabato, e dopo viene domenica", è stato cliccato già più di 13 milioni di volte e la canzone è entrata nella "Official iTunes download chart". E su Twitter il nome della Black, tredicenne californiana, è attualmente più popolare, ammesso che il paragone non faccia rabbrividire, che il recente terremoto giapponese. Immediatamente sono scattate le parodie, facilitate dal testo platealmente banale; c'è chi ha postato un video di "Friday" rifatta alla Bob Dylan e chi ha interpretato la canzone come se l'avesse composta il minimalista Steve Reich. Ma chi c'è dietro Rebecca? Adam Sherwin dell'Independent di Londra ha scoperto che la ragazza non è altro che un "prodotto" di Ark Music Factory, azienda
hollywoodiana che si fa pagare dai genitori ricchi per trasformare i loro figli in star.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.