UK, gli ex della Chrysalis controcorrente: investono nell'ingrosso di cd e dvd

Può sembrare strano, oggi, che qualcuno decida di investire pesantemente  su una società di vendita all’ingrosso che tratta cd, libri e dvd, tirando fuori di tasca propria centinaia di migliaia di sterline. Ma è proprio quello che hanno fatto l’ex presidente della Chrysalis Chris Wright e Peter Lassman, amministratore delegato della Lasgo: ponendosi alla guida di un consorzio che include altri tre dirigenti della società e pilotando un’operazione di management buyout, i due hanno ripreso possesso dell’azienda di distribuzione rilevata a fine 2010 da BMG Rights in seguito alla acquisizione in toto degli asset di Chrysalis. “Quando la BMG ha comprato la Chrysalis PLC, era piuttosto ovvio che lo avesse fatto per acquisirne gli interessi edioriali e non perché interessata all’attività commerciale della Lasgo” ha spiegato Lassman, che aveva fondato l’impresa nel 1978 cedendola nel 1985 alla Chrysalis. La società, che conta una sessantina di dipendenti e fattura dai 20 ai 25 milioni di sterline all’anno, rifornisce con i suoi prodotti “fisici” negozi che operano sia sul territorio che in ambito virtuale attraverso un’attività di mail order elettronico. “E’ ovvio che i mercati del cd, del dvd e dei libri in cui andremo ad operare sono tutti mercati difficili”, ammette Lassman. “Ma ricordiamoci che lo scorso anno oltre il 70 % degli album sono stati venduti in Gran Bretagna sotto forma di cd, e che con il ridimensionamento delle vendite di prodotti fisici diminuisce anche il numero delle società che li distribuiscono”.  

    Può sembrare strano, oggi, che qualcuno decida di investire pesantemente  su una società di vendita all’ingrosso che tratta cd, libri e dvd, tirando fuori di tasca propria centinaia di migliaia di sterline. Ma è proprio quello che hanno fatto l’ex presidente della Chrysalis Chris Wright e Peter Lassman, amministratore delegato della Lasgo: ponendosi alla guida di un consorzio che include altri tre dirigenti della società e pilotando un’operazione di management buyout, i due hanno ripreso possesso dell’azienda di distribuzione rilevata a fine 2010 da BMG Rights in seguito alla acquisizione in toto degli asset di Chrysalis. “Quando la BMG ha comprato la Chrysalis PLC, era piuttosto ovvio che lo avesse fatto per acquisirne gli interessi edioriali e non perché interessata all’attività commerciale della Lasgo” ha spiegato Lassman, che aveva fondato l’impresa nel 1978 cedendola nel 1985 alla Chrysalis. La società, che conta una sessantina di dipendenti e fattura dai 20 ai 25 milioni di sterline all’anno, rifornisce con i suoi prodotti “fisici” negozi che operano sia sul territorio che in ambito virtuale attraverso un’attività di mail order elettronico. “E’ ovvio che i mercati del cd, del dvd e dei libri in cui andremo ad operare sono tutti mercati difficili”, ammette Lassman. “Ma ricordiamoci che lo scorso anno oltre il 70 % degli album sono stati venduti in Gran Bretagna sotto forma di cd, e che con il ridimensionamento delle vendite di prodotti fisici diminuisce anche il numero delle società che li distribuiscono”.  

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.