George Michael rischia una querela dal poliziotto 'seduttore'

George Michael rischia una querela dal poliziotto 'seduttore'

A Marcello Rodriguez, il poliziotto che lo ha arrestato, non sono piaciute le ironie e le accuse di George Michael di averlo "sedotto e intrappolato".

Il cantante, come riportato da Rockol, sostiene di essere stato indotto a certi atteggiamenti dagli ammiccamenti dell'agente di polizia americano («Sembrava una cosa del tipo: tu mi fai vedere il tuo io ti faccio vedere il mio», «Sono arrapato ma non sono un esibizionista: ho risposto alle avances di un attraente sbirro americano»). La polizia di Los Angeles, dopo che Michael è apparso in tv a confermare la sua versione, ha detto per bocca del suo addetto stampa: «Questa è una cosa assai offensiva da dire nei confronti di un ufficiale di polizia che ha effettuato un arresto in modo corretto. Stiamo considerando l'ipotesi di sporgere denuncia contro il signor Michael». .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.