Dada, calati nel 2010 i ricavi della divisione musica & entertainment

Dada.net, divisione del Gruppo Dada dedicata ai servizi di digital music, entertainment, community e gaming-online di cui la proprietà sta trattando l’eventuale cessione a Buongiorno SpA, ha chiuso l’esercizio 2010 con ricavi in calo da 85,3 a 77,9 milioni di euro (al lordo dei ricavi intradivisionali): nella relazione che accompagna la pubblicazione del bilancio, l’azienda attribuisce tale  flessione principalmente “alla progressiva rifocalizzazione del portafoglio di offerta, e al disimpegno sui servizi tradizionali VAS in alcuni mercati maturi tra cui l’Italia” (mentre i Paesi più rilevanti in termini di contribuzione al fatturato si confermano Stati Uniti, Spagna, Brasile, Canada e Messico).  La divisione, che include il servizio di musica digitale Play.me (oggi disponibile anche sulla piattaforma musicale di Fastweb) e i canali musicali televisivi Music Box, Live! (entrambi sul satellite) e Play.me (digitale terrestre) gestiti dal partecipato Giglio Group, ha concorso per il 45 % al fatturato generato dal Gruppo Dada nel corso dell’esercizio (151,5 milioni di euro contro i 155,1 del 2009); nel frattempo, i ricavi prodotti dalla divisione Dada.pro (servizi professionali per la presenza e la pubblicità online) sono cresciuti da 82,6 a 96,5 milioni di euro. Nello stesso periodo, il MOL (margine operativo lordo) è calato da 20,5 a 14,6 milioni, con un’incidenza del 9,7 % sui ricavi, mentre il risultato operativo di Gruppo è risultato negativo per 11,9 milioni di euro (4,6 milioni di euro nel 2009).

Come noto, a inizio 2011 Dada ha subito un avvicendamento al vertice, con le dimissioni dell’amministratore/presidente Paolo Barberis e la sua sostituzione con l’avv. Alberto Bianchi.

 

Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.