Processo a LimeWire, il giudice ridimensiona i risarcimenti all'industria

Processo a LimeWire, il giudice ridimensiona i risarcimenti all'industria

Si riduce il tetto massimo del risarcimento danni che LimeWire dovrà sborsare all’industria discografica per concorso in violazione di copyright. Il giudice americano Kimba Wood ha respinto la richiesta delle tredici etichette discografiche (Arista, Atlantic, BMG, Capitol, Elektra, Interscope, LaFace, Motown, Priority, Sony BMG, UMG, Virgin e Warner Brothers) che nel 2006 hanno trascinato in tribunale la società e il suo fondatore Mark Gorton, e che pretendevano l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge ad ogni singola violazione  commessa dai milioni di utenti della piattaforma. La Wood ha sancito invece che il calcolo venga effettuato sul numero di opere violate: considerando che queste – tutti brani pubblicati dopo il 1972 – sono  circa 10 mila e che la sanzione prevista  dalla legge varia dai 750 ai 150 mila dollari, il totale del risarcimento potrà variare tra 7,5 milioni e 1,5 miliardi di dollari (cui si uniscono i danni  relativi a circa 1.000 opere antecedenti). In caso contrario l’ammontare avrebbe potuto essere migliaia di milardi di dollari: “Più di quanto l’intera industria della musica registrata abbia realizzato da quando Edison inventà il fonografo nel 1877. Un’assurdità”, scrive il giudice nella motivazione della sua sentenza. L’udienza per la liquidazione dei danni  è fissata per il 2 maggio. 

Proprio in questi giorni LimeWire ha risolto ogni pendenza legale con gli editori musicali associati alla NMPA.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.